Cerca:

 
   

  Pagina iniziale  

Chi siamo

Articoli

Approfondimenti

Glossario

Links

Contattaci

Mappa del sito

         In gravidanza

         Infanzia

         Sport

         Terza età

         Patologie

         Consigli quotidiani


Segui Giovanni Turchetti su Facebook!    Segui Giovanni Turchetti su Google+!

LA CHIAVE DELLA NOSTRA SALUTE È LA COMUNICAZIONE TRA IL CERVELLO E IL CORPO
Comunemente, anche se in maniera impropria, viene chiamata “cervicale” la cervicalgia o dolore al collo...

 

 

ANTIOSSIDANTI E PROBLEMI OSTEO-ARTICOLARI
I problemi osteo-articolari non hanno solamente un’origine biomeccanica, ossia un conflitto articolare e nel caso di protusioni o peggio di...

 

Radicali liberi
Nel 1956 Denham Barman creò la teoria dei radicali liberi, scorie prodotte dal catabolismo metabolico, secondo la quale con il...

 

Lo straordinario potere dei fitonutrienti
Il ruolo protettivo di frutta e verdura grazie ai loro fitonutrienti nella prevenzione del cancro, delle malattie cardiovascolari...

 

 

 

TENDINITE D'ACHILLE

Definizione:
Infiammazione del Tendine d’Achille: è il più grande tendine che collega i due maggiori muscoli del polpaccio (gastrocnemius e soleus) alla porzione posteriore dell’osso calcaneare. Sotto elevato stress il tendine si irrigidisce e è obbligato a lavorar troppo duramente. Tutto ciò causa un’infiammazione che è appunto la tendinite e nel tempo può produrre tessuti cicatriziali che sono nettamente meno flessibili del tendine stesso. Se il tendine d’Achille infiammato continua ad essere stressato esso può arrivare ad una vera e propria rottura.

Sintomi:
I sintomi principali della tendinite d’Achille sono: un dolore sordo o tagliente ovunque lungo la porzione posteriore del tendine, in special modo verso il calcagno, una limitata flessibilità della caviglia, calore e rossore nella zona dolente, un nodulo (formato da tessuto cicatriziale) che può essere palpato lungo il tendine e un suono crocchiante (tessuti cicatriziali che strusciano contro il tendine) durante il movimento della caviglia.

Cause:
Muscoli del polpaccio tesi ed affaticati, che trasferiscono il peso dalla corsa al tendine d’Achille. Questo può essere causato dallo scarso stretching, il rapido aumentare della distanza, o un lavoro eccessivo di velocità o corsa in salita, tutto ciò stressa il tendine d’Achille più di ogni tipo di altra corsa. Scarpe da corsa non flessibili che in alcuni casi forzano il tendine a torsioni, corridori che pronano eccessivamente (piedi che ruotano interiormente all’impatto col suolo) sono anche essi cause per la tendinite suddetta.

Trattamento:
Auto-trattamento:
Fermare la corsa ai primi sintomi. Applicare ghiaccio per dieci minuti ogni due ore per ridurre infiammazione. Evitare la distribuzione di carichi sull’arto che ha il tendine d’Achille infiammato, tenere il piede elevato e quando è possibile automassagiarsi la zona con una crema all’arnica. Massaggiare con movimenti semi-circolari in tutte le direzioni allontanandosi dai tessuti dolenti, una volta che il nodulo è andato via massaggiare tre volte al giorno, fare stretching del muscolo del polpaccio gentilmente e non riprendere la corsa fino a che non si è in grado di flettere e stendere completamente il piede sottocarico e di fare dei salti senza accusare dolore, tutto ciò normalmente richiede dalle sei alle otto settimane se iniziato ai primi sintomi. Consigliatevi comunque con il vostro Osteopata di fiducia.

Esercizi alternativi:
Nuotare, spinning, fare del ciclismo usando dei rapporti bassi.

Misure preventive:
Stretching del gastrocnemius (mantenere il ginocchio esteso), e del soleus (mantenere il ginocchio flesso). Mantenere ogni stretch per 30 secondi e poi rilassare lentamente. Ripetere questo esercizio due o tre volte al giorno. Ricordarsi di fare per bene lo stretching prima di correre e di fare gli esercizi di potenziamento del piede e dei muscoli del polpaccio, usare scarpe corrette e se necessario ortottici per prevenire l’eccessiva pronazione. Fare un programma di allenamento graduale, evitare un eccessivo allenamento in salita e ricordarsi soprattutto di inserire riposi nel programma di allenamento.


Giovanni Turchetti

Dott. Giovanni Turchetti DO
Membro della British Osteopathic Association (BOA)
Membro del Australian Osteopathic Association (AOA)
Membro del Deutscher Verband für Osteopathische Medizin (DVOM)
V.le Nervi 04100 LATINA - Tel. 349/3270604 339/6641830 - Email: info@osteopata.it

c/o studio "Lodispoto" - Via Eleonora Duse 22 00197 Roma Tel. 06/8074686 06/80690390
c/o "Simoncelli" - Piazza Santa Restituita 21 Sora FR Tel.0776/832100


Copyright© 2004-2009. Tutti i diritti riservati. Informativa legale
Sito web progettato e realizzato da CreazioneSiti.it