Cerca:

 
   

  Pagina iniziale  

Chi siamo

Articoli

Approfondimenti

Glossario

Links

Contattaci

Mappa del sito

         In gravidanza

         Infanzia

         Sport

         Terza età

         Patologie

         Consigli quotidiani


Segui Giovanni Turchetti su Facebook!    Segui Giovanni Turchetti su Google+!

LA CHIAVE DELLA NOSTRA SALUTE È LA COMUNICAZIONE TRA IL CERVELLO E IL CORPO
Comunemente, anche se in maniera impropria, viene chiamata “cervicale” la cervicalgia o dolore al collo...

 

 

ANTIOSSIDANTI E PROBLEMI OSTEO-ARTICOLARI
I problemi osteo-articolari non hanno solamente un’origine biomeccanica, ossia un conflitto articolare e nel caso di protusioni o peggio di...

 

Radicali liberi
Nel 1956 Denham Barman creò la teoria dei radicali liberi, scorie prodotte dal catabolismo metabolico, secondo la quale con il...

 

Lo straordinario potere dei fitonutrienti
Il ruolo protettivo di frutta e verdura grazie ai loro fitonutrienti nella prevenzione del cancro, delle malattie cardiovascolari...

 

 

 

SPONDILOSI CERVICALE

Il dolore cervicale è un disturbo alquanto comune. E’ il risultato di una vita veloce, piena di stress e tensioni, una mancanza d’esercizio ed una pessima postura, e l’uso di cuscini inappropriati e di letti troppo morbidi. Può essere causato anche da traumi tipo colpi di frusta. Alcuni pazienti sviluppano una rigidità del collo a causa di una scorretta posizione della testa a letto, specialmente se giacciono proni con la testa ruotata da un lato. Talvolta il dolore al collo dura parecchi giorni e va via da solo, ma quando perdura è recidivo e ricorrente: è ora che andiate a trovare il vostro osteopata.

Le vertebre cervicali hanno molte peculiarità. Esse proteggono il midollo spinale che trasporta in pratica tutti i nervi del corpo. Una patologia del tratto cervicale può avere più ampi effetti e conseguenze di una stessa patologia lungo il tratto lombare o dorsale.

Il collo deve avere un’ampia mobilità e non ha supporti come le coste per il tratto dorsale o la pelvi per quello lombare. Esso deve sopportare la testa ed una tensione maggiore insorge quando i muscoli degli arti superiori devono svolgere un lavoro importante. Fra l’altro nel collo passano dei vasi venosi ed arteriosi importantissimi senza dimenticare i plessi nervosi. E’ vero che alcuni di questi vasi sono protetti dai processi traversi delle vertebre, ma ciò non li esime dal grosso stress meccanico.

Il problema principale è la limitazione del movimento, esso può avvenire a causa di osteoartrite della cervicale, che viene chiamata spondilosi. Man mano che una persona invecchia ci sono sempre dei cambiamenti a livello muscolo scheletrico, compreso il tratto cervicale. Il disturbo più comune è quello che ha come sintomo principale l’irrigidimento del collo. Questo generalmente avviene all’altezza delle ultime 3 vertebre cervicali. I pazienti hanno difficoltà nel ruotare la testa lateralmente. Ed un dolore s’irradia posteriormente tra le spalle e nella parte alta della schiena, può talvolta non esserci dolore al collo. Spesso specialmente le donne hanno un gonfiore alla base del collo all’altezza della settima cervicale il cosiddetto gibbo di bisonte. Appena viene risolto questo gibbo, il dolore e la mobilità migliorano notevolmente.

In queste condizioni, vi è una degenerazione del disco intervertebrlale. Ai raggi x poco si riesce a vedere dell’impegno articolare. Spesso questi problemi riducono il forame intervertebrale, causando pressione sui nervi cervicali. Possono esservi formicolii, perdita di sensibilità agli arti ed alle mani, e punti dolorosi sui muscoli del collo, e spesso un rumore come di sabbia nel collo, quando lo si muove, accompagna i suddetti sintomi.

Il risultato terapeutico della manipolazione non può essere evidenziato dai raggi x, sono comunque innegabili i miglioramenti: del tipo guadagno del movimento e riduzione del dolore.

Il paziente comunque non viene mai manipolato in fase acuta. E deve essere fatta una distinzione tra il problema meccanico e quello infiammatorio. In condizioni infiammatorie il movimento in qualsiasi direzione sarà doloroso. Casi di artrite reumatoide non vengono manipolati.

Test preliminari ed un’accurata diagnosi sono essenziali per una riuscita del trattamento osteopatico. In ogni modo nella stragrande maggioranza dei casi il trattamento è possibile con il risultato di un grosso miglioramento dal punto di vista del dolore e del movimento. Degli esercizi di mantenimento vengono prescritti al paziente per consolidare i risultati raggiunti.



CERVICOBRACHIALGIA

Talvolta dei dolori alle braccia ed alle spalle sono lancinanti, corrono giù lungo l’arto raggiungendo le dita della mano lasciando una sensazione di formicolio ed addormentamento. Tutto ciò è dovuto all’irritazione delle radici dei nervi che fuoriescono tra la quarta vertebra cervicale e la seconda toracica.

Vi sono due fattori che causano questo dolore lancinante:

• Il primo, la pressione del disco intervertebrale sulla radice del nervo;
• Il secondo, l’infiammazione della guaina del nervo o dei tessuti contenuti nel forame intervertebrale.

Il dolore può essere dell’intero braccio o di una porzione di esso dipende da dove avviene la pressione. Può essere un dolore sordo o lancinante, comunque aumenta quando il paziente fa certi movimenti del collo, perfino ridendo. Anche in condizione di riposo a letto il dolore è presente l’unico sollievo è quello di porre una mano sotto la testa.

Il paziente usualmente lamenta una rigidità del collo e dolore tra le spalle per anni prima che nel disco avvenga una protusione. Quando il dolore si fa acuto, raggiungendo gli arti superiori, ed il movimento e ristretto è allora che viene fatta la diagnosi di protusione discale.

Altri due test clinici possono confermare la diagnosi:
• Quando la parte bassa del collo è coinvolta, il movimento verso il lato dolente del collo aumenta, fino ad arrivare ad un addormentamento del braccio.
• Quando una trazione assiale del collo dona una diminuzione del dolore, tutto ciò conferma la diagnosi precedente.

Un sintomo che spesso accompagna il dolore è una debolezza dei muscoli del collo. Talvolta il dolore è così forte che il paziente deve sorreggersi la testa mentre siede. Perfino quando è a letto deve avere un supporto per la testa.

Il lato del dolore, formicolio, addormentamento,sensazione di punture di aghi, debolezza dei muscoli del collo, diminuisce la forza del muscolo ed altera i riflessi: tutto dipende dal livello di lesione del disco. Un esame clinico e neurologico può determinare il lato del livello della protusione discale.

TRATTAMENTO

In molti casi di cervicobrachialgia l’Osteopatia è efficace. Solo quando c’è un dolore acuto ed in più nessun movimento con il collo è possibile, le manipolazioni sono controindicate.
Prima di fare le manipolazioni, devono essere provate l’immobilizzazione del collo con un collare,risposo e correnti ad onde corte, diatermia. Se vi è la possibilità di un po’ di movimento nel collo, si possono fare delle manovre per rilassare i muscoli contratti, per arrivare poi ad una mobilizzazione. Le manipolazioni vengono applicate solo quando vi è una considerevole possibilità di movimento nel collo.

Talvolta a causa dell’impegno delle vertebre toraciche è bene trattare anche le medesime.

In alcuni casi la manipolazione può essere applicata subito. Il trattamento deve essere fatto gentilmente, e questo vale specialmente per il collo.

E’ meglio applicare un trattamento gentile e mirato piuttosto che ad ampio raggio, e per fare ciò si seguono questi due punti:

• Rilassamento del tratto cervicale, spalle,e muscoli dell’alta schiena.
• La mobilizzazione prima della manipolazione.

Prima della manipolazione, è auspicabile fare delle trazioni, ma nel caso in cui la trazione non dia il risultato, la manipolazione deve seguirla.

Di solito dopo la riduzione di un disco protuso od erniato, il paziente può indossare un collare onde evitare stiramenti e tensioni. Una volta che il muscolo torna ad un tono normale il collare può essere tolto.

I pazienti dovrebbero dormire su di un letto duro e senza guanciale. Ed una volta scomparso il dolore può eseguire degli esercizi specifici per mantenere il risultato ottenuto grazie all’Osteopatia.


Giovanni Turchetti

Continua la lettura...

» LA CHIAVE DELLA NOSTRA SALUTE È LA COMUNICAZIONE TRA IL CERVELLO E IL CORPO

» BIOMECCANICA DEL RACHIDE CERVICALE

» CURA DEL TRATTO CERVICALE

Dott. Giovanni Turchetti DO
Membro della British Osteopathic Association (BOA)
Membro del Australian Osteopathic Association (AOA)
Membro del Deutscher Verband für Osteopathische Medizin (DVOM)
V.le Nervi 04100 LATINA - Tel. 349/3270604 339/6641830 - Email: info@osteopata.it

c/o studio "Lodispoto" - Via Eleonora Duse 22 00197 Roma Tel. 06/8074686 06/80690390
c/o "Simoncelli" - Piazza Santa Restituita 21 Sora FR Tel.0776/832100


Copyright© 2004-2009. Tutti i diritti riservati. Informativa legale
Sito web progettato e realizzato da CreazioneSiti.it